- LIBERO -
(dedicata a Vittorio Andrei)


Simone era un giovane ragazzo che adorava disegnare, ma spesso non ne aveva il tempo e quindi un giorno decise di dedicare una giornata intera ai suoi disegni.
Con la sua matita iniziò a creare ciò che sentiva nel cuore e ad un certo punto si rese conto di aver disegnato sè stesso, che piangeva.
Fissò per molto tempo quel disegno e cercò di capire perchè sul foglio si era materializzata quella sua immagine.
Colto da un grande sonno si appoggiò al tavolo e delicatamente si addormentò.
All'improvviso sentì bisbigliare e, mentre apriva gli occhi, si accorse che il suo disegno lo fissava.
"Hai sentito quello che ho detto??" - chiese il disegno
"Ma sto sognando!!???" - esclamò Simone, balzando dalla sedia.
"Certo che stai sognando! - disse il disegno - Ed è l'unico modo che ho per parlare con te. Nella vita quotidiana c'è troppa confusione e la gente spesso non sente nemmeno sè stessa. Nei sogni invece la mente è quieta e non può interferire coi messaggi che arrivano dall'inconscio e da altre Fonti. Ti sei chiesto perchè hai disegnato te stesso con il viso triste e piangente, quindi ora ti darò una risposta. La maggior parte degli umani sono convinti di non meritarsi il meglio dalla vita, hanno un profondo senso di colpa che li rende schiavi delle loro stesse colpe. Ma tutte le colpe verranno perdonate nel momento in cui verranno comprese. Nel momento in cui viene compresa quell'azione, che ha creato la colpa, la persona è libera. Però il mondo attorno cerca di farti sentire ancora quella colpa. E' un sistema ben organizzato, dove alcune forze si muovono di proposito per tirare fuori il meglio dalle persone. Ma se questo non viene compreso allora le persone non si sentono libere ma imprigionate in una realtà dove in apparenza sembra tutto contro. Ci sono persone che perdono la testa per questo, si sentono sbagliate e il senso di colpa è così forte che arrivano anche a togliersi la vita. Il Buon Dio non crea le sue Creature per farle vivere nella colpa. Le crea affinchè comprendano la ragione della loro creazione, pareggiando alcune cose del passato che, se vengono comprese, ti portano ad avvicinarti sempre di più alla propria individuale missione e a ciò che vogliamo essere e a ciò che non vogliamo essere. La vita ti mette alla prova facendoti vivere delle circostanze molto simili all'origine del proprio peccato e se non si ripete più allora si sale un gradino verso sè stessi, verso Dio e la liberazione. Tutti hanno una propria missione e l'Universo, in accordo con il nostro Essere e con Dio, ci da tutti gli strumenti necessari per allinearci a quella missione. Ma se in cuor tuo non ti darai il permesso di vivere quella missione allora nascerà in te un profondo senso di colpa che ti farà vivere in uno stato di prigionia dove le tue stesse colpe continueranno a perseguitarti. In verità non sono loro che ti inseguono ma sei tu che le fai tornare a te non riconoscendo l'immenso invito del Padre Celeste ad essere libero. Comprendi le tue responsabilità, perdonati e segui la tua missione. Segui sempre il Cielo ma guarda anche dove metti i piedi, perchè la Terra in cui vivi è stata creata apposta per formare tutte le Anime che devono avanzare verso la liberazione di ogni uomo, donna e Creature del Cielo e della Terra. Non avere timore di fare le tue scelte. Se saranno in accordo con ciò che la tua Anima deve fare allora nulla ti potrà fermare e il Buon Dio ti guiderà anche làddove, in apparenza, potrebbe non esserci speranza. Ora svegliati Simone e disegna ciò che la tua Anima deve disegnare. Coloro che vedranno i tuoi disegni percepiranno il tuo messaggio, qualsiasi esso sia. Coglieranno l'opportunità di seguire anche loro la propria missione e tutti condivideranno, a proprio modo, il messaggio nella sua pienezza!"
Simone aprì gli occhi e guardò il disegno. Non piangeva più.