- LA CATTURA -


C'era una Creatura che aveva il dono del volo. Scendeva in terra per visitare le altre Creature, restava per qualche momento e poi, quando sentiva di dover andare, volava in qualche altro luogo.
Spesso agiva con ingenuità e quando le conseguenze delle sue azioni venivano a cercarla, fuggiva.
Un giorno dall'alto vide una Creatura piangere e scese per confortarla. Questa Creatura era triste perchè non si sentiva amata dal suo compagno.
Allora la Creatura volante sentì di dover amare questa Creatura triste e fece l'amore con lei.
Quando ebbero finito la Creatura triste era felice e la Creatura volante balzò verso il cielo.
All'improvviso sentì una forza che la tirò verso il basso e precipitò in terra.
Venne raggiunta dal drago custode di quel mondo, che le disse:
"Ora è tempo di raccogliere le conseguenze delle tue azioni!"
"Ma che cosa ho fatto?" - chiese la Creatura volante
"Ti è stato dato il dono del volo per proteggere le Creature, ma non per sostituirti a ciò che il Cielo ha preparato per loro! Tutte le Creature di questo mondo stanno vivendo l'esperienza del raccogliere ciò che si semina, nel bene e nel male. Se tu interferisci con la loro esperienza, sostituendoti al ruolo che non è tuo, le Creature non riusciranno a capire quale scelta dovranno fare per progredire!" - rispose il drago
"Ma io le ho solo aiutate, le ho dato conforto in quei momenti in cui non c'era nessun'altro!" - disse la Creatura volante
"E' vero! - disse il drago - E' giusto indirizzarle verso la scelta che le potrebbero portare a vivere meglio. Ma, per esempio, la Creatura triste che hai aiutato poco fa, era davvero necessario sostituirti al suo compagno nel modo che hai scelto? Non era forse meglio aiutarla dicendole di dire al proprio compagno cosa l'affliggeva? Affinchè entrambi potessero confrontarsi e trovare assieme una soluzione?"
"Non sarebbe stato sufficiente!" - disse la Creatura
"Questo è il tuo pensiero! La tua idea di dover prendere il posto di qualcun'altro! Come pensi che reagirà il compagno della Creatura triste quando verrà a sapere che qualcuno ha preso il suo posto, anche per un solo istante? Ci sono delle leggi da rispettare e tu lo sai. Non sei l'unica Creatura che ha il dono del volo! Le leggi dicono che è giusto aiutare le Creature ma non oltre ciò che possono e devono fare loro stesse! Solo così comprenderanno cosa è giusto per loro! Il tuo desiderio egoico di unirti alla Creatura triste, senza pensare alle conseguenze, ti condannerà da questo momento a vivere sulla terra per un tempo sufficiente a comprendere il risultato delle tue azioni e quando e dove ti è permesso agire!" - disse il drago
"Io non riesco ancora a comprendere dove ho sbagliato!" - disse la Creatura volante
"Lo comprenderai vivendo tra le Creature della terra! - disse il drago - Quando tutto ciò che hai fatto ritornerà a te, allora avrai compreso la legge del "chi semina raccoglie" e avrai compreso, quindi, quali sono i limiti per non interferire nelle esperienze individuali di ogni Creatura!"
E così la Creatura volante perse il dono del volo e visse tra le Creature della terra. Per molto tempo si sentì imprigionata dalla sua nuova vita ma poi si accorse che poteva fare molto, anche senza il dono del volo. Cominciò ad aiutare le Creature della terra, dando il meglio di sè stessa. Facendo però attenzione a rispettare i limiti, i ruoli e le esperienze di vita che il Cielo Infinito ha dato ad ognuno di noi, affinchè possiamo comprendere chi siamo e cosa dobbiamo fare.